Case history

Stampa etichette in mould (IML)

Il primo test riguarda un'applicazione su una GIDUE Combat 530 per la stampa su etichette in mould.
UV Ray utilizza un riflettore da 190 W/cm di 580 mm con alimentatore digitale mentre la concorrenza monta un riflettore da 200 W/cm di 550 mm.
Il test ha valutato la qualità della polimerizzazione, con prove di frizione, a diverse velocità e potenze.

Risultati della frizione
UV Ray Maxwell 580 mm 160 W/cm UV Ray Maxwell 580 mm 190 W/cm Competitor 550 mm 200 W/cm UV Ray 160 W/cm + Competitor 200 W/cm
70 m/min Static 0,0833 0,0679 0,1204 0,0858

Dynamic 0,0363 0,0483 0,0386 0,0490
80 m/min Static - 0,0915 - -

Dynamic - 0,0619 - -
90 m/min Static - 0,1031 - -

Dynamic - 0,0600 - -
100 m/min Static 0,1726 0,1187 - 0,1028

Dynamic 0,0795 0,0508 - 0,0649

A parità di velocità (70 m/min) e potenza (UV Ray con il 5% in meno rispetto alla concorrenza alla massima potenza) UV Ray raggiunge il -56% di frizione statica; a 160 W/cm, un -20% della concorrenza a potenza specifica, UV Ray raggiunge il -44% di frizione statica.
Usando questo eccesso di potenza(?) per aumentare la velocità, UV Ray raggiunge i 100 m/min, un +42% della reale velocità massima sempre alla stessa potenza specifica.
Guardando alle prestazioni, è possibile migliorarle di almeno il 40% in fase di stampa(?): riguardo ai consumi, si ottiene un risparmio del 20% per ottenere lo stesso risultato di frizione statica.

Confronto energetico
Dal 1° Gennaio 2016, l'Europa ha introdotto l'AEEG 654/2015 che richiede un cosφ>=0.95 o una penale nel caso non sia rispettato.
I prodotti UV Ray lavorano sempre al minimo di cosφ>=0.95; questo significa che non sarà aggiunto alcun costo, cosa che succede con la concorrenza che, a causa della tecnologia obsoleta utilizzata, non è in grado di fare.
Lo standby della concorrenza è vicino al 50% (circa 6A, a piena potenza circa 12A) - 100W/cm - 5.5kW + ventola; lo standby di UV Ray invece è <=40W/cm - 2.3kW + ventola.
La ventola UV Ray è a velocità variabile, relativa alla necessità; ogni riflettore ha la sua ventola dedicata, che significa una regolazione accurata e un basso consumo di energia.
La ventola singola della concorrenza lavora anch'essa a velocità variabile, ma molto maggiore: 11kW ridotti a 7,5kW tramite inverter; 4kW invece per tutte e 6 le ventole UV Ray alla massima velocità; inoltre la ridotta velocità e il basso flusso d'aria, migliorano di molto l'HVAC necessario esprimendo un maggior risparmio di energia piu di quanto i puri numeri possano dire.